Ricette tipiche di maremma

Situato in posizione panoramica nelle vicinanze di un monumento storico, il convento “Frati Passionisti”, dispone di 400 posti a sedere e di un ampio parcheggio.
Un esperto cuoco, Stefano, con l’ormai decennale collaborazione di Cristina, si occupa della cucina rigorosamente casalinga e genuina.
Il Ristoro, aperto da Pasqua alla fine di Settembre, offre anche la possibilità di degustare il liquore Argentarium, prodotto secondo un’antica ricetta dei “Padri Passionisti” del Monte Argentario, Grosseto.

Archivio articoli e news

Torta ai Frutti di Bosco Ristoro La Sorgente Monte Argentario Orbetello

Pubblicato in data 03/06/2014

Condividi la news Torta ai Frutti di Bosco Ristoro La Sorgente Monte Argentario Orbetello su Facebook
Torta ai Frutti di Bosco Ristoro La Sorgente Monte Argentario Orbetello

Ecco la ricetta di uno dei nostri tanti piatti che troverete al Ristoro La Sorgente.

Ingredienti per 4 persone:
150 gr di burro
150 ml di zucchero
2 cucchiai di zucchero vanigliato
1 uovo
250 gr di farina 00
2 cucchiaini di lievito per dolci
250 gr di frutti di bosco

Amalgamare il burro ammorbidito con lo zucchero e lo zucchero vanigliato.
Aggiungere la farina mischiata con il lievito ed infine 1 uovo.
Amalgamare tutto creando un composto morbido ma sodo, tipo una frolla.
Imburrate una teglia per dolci e spolveratela con del pangrattato.
Versare l’impasto a cucchiaiate sulla teglia.
Stendere al centro i frutti di bosco e effettuate una piccola pressione per far amalgamare il tutto.
Spolverizzate lo strato di frutti di bosco con una manciata di zucchero e infornate a 170° per 45 minuti.
Lasciate raffreddare la torta ai frutti di bosco e servite con un pò di panna montata.

L’acquacotta Maremmana Ristoro La Sorgente Monte Argentario Orbetello

Pubblicato in data 03/05/2014

Condividi la news L’acquacotta Maremmana Ristoro La Sorgente Monte Argentario Orbetello su Facebook
L’acquacotta Maremmana Ristoro La Sorgente, piatti tipici maremmani

Ecco la ricetta di uno dei nostri tanti piatti che troverete al Ristoro La Sorgente.

Ingredienti per 6 persone:
6 belle cipolle dorate
1 cuore di sedano con qualche fogliolina
6 pomodori ramati maturi (oppure una scatola di pomodori pelati)
Olio extravergine d’oliva “Agriturismo le Due Ruote”
Formaggio pecorino grattugiato del “Caseificio di Manciano
Sale e peperoncino

Affettare al velo la cipolla, metterla a soffriggere in abbondante olio in un tegame di terracotta, o comunque con il fondo spesso adatto a lunghe cotture.
Quando la cipolla sarà completamente appassita (ma non bruciata) aggiungere il sedano tagliato a fettine sottilissime e le foglioline a striscioline, proseguire la cottura aggiungendo di tanto in tanto un pochino di acqua fino a quando il sedano sarà diventato tenero e la cipolla completamente disfatta, a questo punto aggiungere i pomodori a pezzi, ai quali avrete precedentemente tolto la buccia ed i semi, far insaporire il tutto e quindi aggiungere acqua calda fino a ricoprire il preparato di qualche centimetro, aggiustare di sale e aggiungere il peperoncino, proseguire la cottura a fuoco bassissimo fino a che la zuppa non avrà una bella consistenza cremosa.
Si serve direttamente in una ciotola sul cui fondo avrete adagiato del pane tostato e passato con un poco di aglio, la versione piatto unico prevede un uovo a testa aperto a fine cottura direttamente nella pentola e poi trasferito insieme alla zuppa nel piatto, altrimenti può andar bene anche un uovo sbattuto e poi fatto cuocere dentro la pentola pochi istanti prima di servirla. Irrorare un filo d’olio a crudo ed una bella grattugiata di formaggio.

Pappardelle al ragù di Cinghiale e Porcini Ristoro La Sorgente Monte Argentario Orbetello

Pubblicato in data 03/06/2014

Condividi la news Pappardelle al ragù di Cinghiale e Porcini Ristoro La Sorgente Monte Argentario Orbetello su Facebook
Pappardelle al ragù di Cinghiale e Porcini Ristoro La Sorgente

Ecco la ricetta di uno dei nostri tanti piatti che troverete al Ristoro La Sorgente.

Ingredienti per 4 persone:
500/600 gr. di cinghiale
1 cipolla bianca o rossa di medie dimensioni
1 ciuffo di prezzemolo
Olio extravergine d'oliva
1 foglia di alloro
250 gr. di funghi porcini freschi
Passata di pomodori q.b.
Mezzo bicchiere di vino rosso, sale grosso

Per preparare un buon sugo di cinghiale dovete metterlo a bagno in acqua almeno per una notte. Cambiate l'acqua per 4/5 volte fino a che non risulterà abbastanza pulita, vale a dire piuttosto chiara e senza residui di sangue. Una volta effettuata quest'operazione e dopo aver tagliato il vostro cinghiale in pezzetti di 1 cm pressappoco, mettete a fuoco vivace un tegame, una volta caldo metteteci il cinghiale senza alcun tipo di condimento ed attendete, girandolo, che tutta l'acqua venga asciugata. A parte preparate in una pentola o in un tegame, a seconda della quantità di carne che intendete cucinare, un battuto con una cipolla di media grandezza ed un ciuffo di prezzemolo, tagliate a pezzetti piuttosto piccoli anche i funghi porcini e soffriggete. Aggiungete il cinghiale e sfumate con mezzo bicchiere di vino rosso, o un Chianti data la provenienza della ricetta...
Unite al tutto la foglia di alloro, lasciate rosolare per 5 minuti e poi completate con la passata che dovrà coprire la carne. Aggiustate di sale ed abbassate la fiamma cuocendo con coperchio per circa 3 ore. In caso si asciugasse un po' troppo versate via via un po' d'acqua. Lessate le pappardelle e, a fine cottura conditele con il ragù saltandole in una padella per 1 minuto.